SRI dispone di un impianto di selezione diviso in tre linee indipendenti:

- Raccolta multimateriale (plastica, alluminio, acciaio)

- Carta e cartone

- Vetro

L'impianto di selezione della raccolta multimateriale

Combinando le migliori tecnologie di selezione ed integrando opportunamente selezione automatica e manuale, l'impianto SRI separa i rifiuti di imballaggi in plastica (contenitori per liquidi in PET, HDPE, LDPE, PP, PS, PVC), film ed altri materiali ( alluminio, ferro, carta e cartone, etc.).

 

I rifiuti in ingresso sono trattati da una macchina rompisacco che, con una serie di ruote dentate, libera gli imballaggi dai sacchetti in cui sono stati raccolti e li avvia alla prima fase della selezione, quella meccanico - balistica.

Il primo passaggio avviene in un cilindro vagliatore, un enorme cilindro con fori progressivamente più grandi, che ruotando fa avanzare i rifiuti e li separa per dimensione.

Quelli di dimensioni superiori ai 300 mm vengono inviati direttamente allo stoccaggio, mentre i rifiuti compresi tra i 60 e i 300 mm vengono inviati ad un separatore balistico.

Questo piano inclinato vibrante divide film plastici, carta, cartone dagli altri imballaggi e separa, inoltre, la frazione fine che viene a sua volta stoccata.

Le linee di separazione manuale sono due.

Una separa i film plastici, carta e cartone, l'altra elimina dagli imballaggi i residui di film plastici, carta e cartone non rimossi dal separatore balistico. Al termine di questa fase i film plastici, carta e cartone sono inviati allo stoccaggio mentre gli altri imballaggi passano alla selezione automatica.

Le parti leggere sono rimosse mediante aspiratore

Dopo la selezione manuale un separatore magnetico elimina dal flusso gli imballaggi in metalli ferrosi.

Quindi si separa il PET, che viene inviato ad ulteriore selezione automatica. La frazione rimanente viene separata, sempre automaticamente, in PE, PVC/PS/Tetrapak, metalli non ferrosi, plastiche miste.

Un sistema di separazione a rilevatori ottici permette, infine, di dividere il PET in tre categorie: bottiglie incolore, azzurrate e colorate.

Tutti i materiali riciclabili separati da SRI vengono infine pressati, stoccati ed in seguito avviati direttamente al riciclo per la produzione di materia prima seconda.

Scopri come continua il viaggio delle bottiglie di plastica PET con Erreplast (collegamento).

   
   

Impianto per la selezione di carta e cartone

Una linea di trattamento semi - automatica dedicata al recupero della carta e cartone da raccolta differenziata sia urbana che industriale, con una capacità di trattamento di oltre 45.000 t/anno.

Impianto per la selezione del vetro

Una linea di trattamento dedicata alla selezione e frantumazione del vetro da raccolta differen-
ziata con una capacità di 40.000 t/anno.

 


I rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, a seconda della tipologia, sono inviati in 4 diverse linee di trattamento.

Il multimateriale, liberato dai sacchetti di raccolta, è separato per dimensione, forma e consistenza nel cilindro vagliatore. Mediante separatore balistico e con l’ausilio di due linee di separazione manuale si recuperano i film plastici, la carta, il cartone e la frazione fine dagli altri imballaggi. Dalla parte restante il separatore magnetico recupera i metalli ferrosi. Eliminati i residui leggeri, con un sistema a rilevatori ottici si individua e separa il PET selezionandolo per colore. Continua il processo frazionando i materiali in HDPE, PVC/PS/Tetrapack, metalli non ferrosi e plastiche miste. La carta e il cartone subiscono un procedimento analogo. Mediante un vaglio balistico si consegue una prima suddivisione: la parte leggera e ingombrante percorre la prima linea di selezione manuale; la porzione più consistente è vagliata in una seconda linea di selezione manuale e nelle sezioni automatiche di recupero dei ferrosi e dei non ferrosi. La separazione mediante vibrovaglio completa il processo.

Una linea è dedicata alla selezione e alla frantumazione del vetro. I rifiuti ingombranti sono divisi in funzione delle specifiche caratteristiche, ridotti di volumetria e stoccati per completarne il recupero in impianti specifici di riciclo o smaltimento.